Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Oggi mamma news

Oggi mamma news

Un piccolo universo, dedicato alla famiglia, alle mamme e ai figli.


Bambini e allergie alimentari: il fai da te materno

Pubblicato da Mara Mencarelli su 26 Marzo 2015, 13:38pm

Tags: #1° anno di vita

Capita sempre più spesso che i bambini, son da piccoli od anche in età più adulta manifestino delle allergie o delle intolleranze alimentari rivolte verso uno o più alimenti. Le allergie vere e proprie possono dare manifestazioni subdole e disturbi di vario tipo ed entità inclusa una crisi da shock anafilattico che di sicuro è quella che determina un quadro allarmante di pronto intervento e che nei casi più gravi può indurre alla morte. Medici, test, e fai da te materno sono la soluzione che può aiutare ad individuare l'allergia alimentare o di altro tipo.

Diciamo che sia le allergie che le intolleranze possono determinare generalmente malassorbimento intestinale dovuto ad irritazione ed appiattimento dei villi intestinali, inappetenza, diarrea, bronchiti, asma, riniti croniche, dermatiti etc. Il quadro può cambiare da bambino a bambino in virtù dell'alimento in causa e della reazione da parte dell'organismo del piccolo.

L'esperienza di una tris mamma

Personalmente su tre figli ne ho due che nonostante svezzamento ritardato e alimenti vietati sin da piccoli, come ad esempio il latte a cui io stesso sono allergica, hanno manifestato alcune allergie: latte e funghi per mia figlia, e uova per l'altro, mentre il terzo, il più piccolo, sembra avere una discreta reattività alla polvere ed ha manifestato allergia ad alcuni farmaci: è il caso di dirlo, sono come la mamma! E la mamma a sua volta è come il suo papà...ossia il nonno. Innegabile una certa predisposizione ereditaria a manifestare alterazioni del sistema immunitario e con esso eventuali spiacevoli allergie.

Individuare allergie ed intolleranze nei bambini con il fai da te materno

Il problema però non è tanto l'allergia in se, ma riuscire ad individuarla. Infatti nonostante i progressi medici ed i numerosi test presenti, non sempre l'individuazione di un alimento dannoso è semplice, talvolta possono risultare negativi malgrado una reale allergia. Non chiedetemi di scendere in dettagli medici ma in questo caso devo dire che è piuttosto frequente non riuscire ad identificare la causa e che l'unica risorsa è quella di far fare al bambino una dieta dissociata iniziando da un'alimentazione di base e introducendo ogni 15 o più giorni un nuovo alimento testandone eventuali reattività. E' così che ho scoperto che la diarrea di mio figlio di due anni, l'inappetenza e la sua pancia gonfia, erano dovuti all'uovo, alimento che pur essendo stato testato con esami del sangue, era risultato negativo. In poco tempo l'inappetenza è scomparsa e con essa tutti gli altri disturbi.

Ciò non significa che si debba snobbare la medicina o la collaborazione degli specialisti ma che dove la medicina non arriva, si può agire con il fai da te materno avvalendosi di tanta pazienza, intuito e spirito di osservazione. Per far questo sarà utile munirsi di un bel quadernino ed annotare ogni cibo anche il più semplic (caramella), che viene ingerito dal bambino. Talvolta anche un semplice conservante o un colorante può dar luogo a disturbi e manifestazioni cliniche di una certa entità e la sua individuazione non è certo tra le più semplici.

Comunque sia l'importante è, in un modo o nell'altro riuscire a capire qual o quali alimenti e sostanze sono nocive per il proprio bambino tenendo conto che attualmente questi disturbi e le allergie in genere, sono in netto aumento: sarà colpa dell'inquinamento e dell'eccessiva manipolazione dei cibi? Chi lo sa ma è un dato di fatto che va individuato e contrastato.

Torna a trovarmi e intanto regalami un G+ un like o altro ed iscrirviti alle new sletter a fianco inserendo la mail riceverai la notifica dei nuovi articoli.

Mara Mencarelli

Credit foto bimbisaniebelli.it

Post recenti